Piepoli, Gioventù Nazionale: “Scontro Emiliano-Azzolina: a pagarne il prezzo famiglie e studenti”
martedì 3 novembre 2020
Andrea Piepoli, portavoce regionale Gioventu nazionale, stigmatizza il conflitto tra Regione e Ministero sulla scuola: “La “maestrina” d’Italia bacchetta il sornione presidente di Puglia. 
Al centro della polemica l’ordinanza con la quale Emiliano chiude le scuole di tutta la regione (fatta eccezione per gli asili) da domani.
 
Ci chiediamo come siano stati impiegati questi mesi da parte dell’amministrazione regionale per garantire la sicurezza  degli studenti e del personale docente. 
Come abbiamo già detto, la mossa di chiudere le scuole ci pare un tentativo di celare, ed eliminare alla radice, le mancanze derivate dalla mala gestione di Emiliano. Rinforzare i trasporti pubblici? Monitorare  i contagi con i test rapidi? Controllare le misure di distanziamento? Troppo complicato per Emiliano. Ha preferito chiudere tutto.
 
D’altra parte ci sorprendono le critiche che il Ministro rivolge al nostro governatore. Pd e M5S sono al governo insieme, è possibile una visione così diversa sulla scuola? L’Azzolina mette persino in dubbio che ci sia un tale livello di contagio da giustificare il provvedimento regionale ed elogia il lavoro fatto dai presidi pugliesi per garantire la sicurezza. 
Insomma, uno scontro frontale.
 
A pagarne il prezzo sono, come sempre, gli studenti e le loro famiglie. Tornati a settembre tra i banchi con molti dubbi, ora subiscono gli effetti di una bega che certamente non aiuta a fare chiarezza”.