Caso Marò risolto: fu una vergogna rispedirli in India. Aveva ragione Terzi
venerdì 3 luglio 2020

Finalmente arrivata la decisione ti aspettavamo da anni sul caso Marò. L'Italia ha ragione: il diritto internazionale conferiva la nostra nazione la giurisdizione per giudicare i due Militari. Perché il governo italiano li rispedì in India? "Cari amici, la mia gioia in questo istante, mentre vi scrivo, e IMMENSA: come ho sempre sostenuto per l'intero corso del mio mandato da Ministro degli Esteri, fino al giorno delle mie dimissioni avvenute proprio a difesa dell'onorabilità delle Forze Armate, in contrasto con la decisione dell'allora Presidente del Consiglio di rimandare in India i nostri due Fucilieri di Marina Massimiliano #Latorre e Salvatore #Girone, e anche negli anni successivi, durante i quali non ho mai smesso di occuparmi attivamente di questo dossier, Il Tribunale arbitrale internazionale HA DATO RAGIONE ALL'ITALIA - scrive il ministro Giulio Terzi in un post - I giudici hanno riconosciuto l'immunità dei due Fucilieri di Marina in relazione ai tristi fatti accaduti il 15 febbraio 2012 e all'India viene pertanto PRECLUSO l'esercizio della propria giurisdizione nei confronti dei due militari.

Il Tribunale ha infatti riconosciuto che i Militari erano *funzionari dello Stato italiano*, impegnati nell'esercizio delle loro funzioni: la giurisdizione del caso Enrica Lexie è dunque *in via esclusiva dell'Italia*! Resterà poi da stabilire nel corso di un regolare processo (in Italia, appunto) se i due #Marò furono realmente coinvolti nello scontro a fuoco che costò la vita a due innocenti pescatori indiani, altra questione sulla quale nutro fortissimi dubbi (per usare un eufemismo...), anche alla luce delle prove contenute nel dossier che ebbi modo di visionare ampiamente all'epoca del mio mandato. PECCATO aver dovuto attendere tutto questo tempo, a causa della vergognosa decisione del PdC Monti di non attivare l'Arbitrato internazionale*, decisione sciagurata confermata poi anche dal successivo Governo #Letta...ma finalmente una fase importantissima di questa vicenda è stata definitivamente scritta!".