L’università nel cuore di Taranto: via libera con un protocollo interistituzionale
giovedì 11 giugno 2020

Via libera, oggi, da parte della Giunta regionale al Protocollo di Intesa tra Regione Puglia, Asl di Taranto e Università degli Studi di Bari per l'acquisto, il restauro e la rifunzionalizzazione dell'immobile di proprietà della Banca d'Italia, nel cuore di Taranto, per farne la sede del nuovo Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia che sarà attivato nel capoluogo jonico. Con la delibera approvata oggi la ASL di Taranto viene individuata come soggetto attuatore di questo importante intervento, con il supporto tecnico-amministrativo dell'Agenzia regionale ASSET, mentre l'Università gestirà l'immobile, in comodato d'uso gratuito, con l'impegno di attivare il Corso di Laurea in Medicina.

Per realizzare questa importante operazione la Regione Puglia ha stanziato complessivamente 7 milioni e 835 mila euro che serviranno per acquistare il prestigioso immobile dalla Banca d'Italia (per un importo di 5 milioni di euro) e per realizzare gli interventi necessari di ristrutturazione. Sono molto soddisfatto per il raggiungimento di questo importante risultato strategico per il Governo regionale, al quale lavoro da circa un anno e mezzo fianco a fianco con il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, sen. Mario Turco, in piena sintonia con il Presidente Michele Emiliano che non ha mai fatto mancare il suo appoggio a questo progetto.

"In questo modo, dopo i necessari interventi di riqualificazione, si potrà dotare la città di Taranto e tutto il territorio jonico di una sede importante e autorevole per l'attivazione del Corso di Laurea in Medicina, un vero e proprio fiore all'occhiello che sarà dotata di tutti i più avanzati standard qualitativi per consentire che le attività di studio e ricerca possano svolgersi nel migliore dei modi - puntualizza l'assessore allo Sviluppo economico della regione Puglia, Mino Borraccino-Ringrazio il collega assessore alla Formazione, Sebastiano Leo, che è stato il proponente della delibera approvata oggi che segna un passo in avanti decisivo per il conseguimento di un risultato molto significativo per il rilancio di Taranto e della sua provincia, a conferma della grande attenzione che il Governo regionale sta dedicando alla crescita economica e sociale di questo territorio. Personalmente continuerò a seguire il progetto sul Tavolo CIS".