Sfruttamento della prostituzione, 13 arresti: in manette anche un sacerdote
lunedì 14 gennaio 2019
Le vittime dello sfruttamento erano giovani donne dell'Est Europa.

Gli agenti della Questura di Taranto hanno smantellato una organizzazione dedita allo sfruttamento della prostituzione. E' stata data esecuzione a 13 ordinanze di custodia cautelare (8 in carcere e 5 agli arresti domiciliari) emesse dal gip di Taranto Paola Incalza su richiesta del sostituto procuratore Antonella De Luca. L'operazione è stata messa a segno dai poliziotti della Squadra Mobile - Sezione "Criminalità diffusa, extracomunitaria e prostituzione", insieme alle Questure di Lodi e Vibo Valentia. Gli arrestati sono ritenuti a vario titolo responsabili dei reati di associazione a delinquere, sfruttamento, favoreggiamento e agevolazione della prostituzione.

L'indagine ha portato alla luce un sodalizio criminoso dedito allo sfruttamento della prostituzione ai danni di alcune giovani ragazze, prevalentemente dell'Est Europa, che venivano indotte alla prostituzione e sottoposte a "protezione" dietro il pagamento di somme di denaro.