Muore improvvisamente il giornalista Alessandro Leogrande: lutto nel mondo della cultura
lunedì 27 novembre 2017
Il giornalista tarantino è morto nella sua casa di Roma. Il suo ultimo intervento alla Città del libro di Campi Salentina (Le).

Una morte prematura e inaspettata. Lutto nel mondo della cultura e del giornalismo pugliese: a soli 40 anni scompare Alessandro Leogrande, scrittore, giornalista e filosofo tarantino. Autore di importanti inchieste giornalistiche - da quella sull'Ilva, a quella sul Regina Pacis e sul caporalato - aveva mosso i primi passi nel mondo del giornalismo in Primavera Radio, del Network di Radio Popolare.  Collaboratore di Rai Tre e del Corriere del Mezzogiorno, si era fatto apprezzare per la sua voce libera e critica, per nulla asservita ai potenti di turno. 
L'annuncio, straziante, poco fa su Facebook, dove suo padre Stefano ha ricordato la vocazione di Alessandro per "gli ultimi della terra", cui ha sempre cercato di restuituire la voce. 
Il suo ultimo intervento pubblico solo lo scorso giovedì 23 novembre presso la Città del Libro di Campi Salentina, dove aveva partecipato ad un incontro con l'intellettuale maghrebino Tahar Ben Jelloun e Massimo Bray.