Xylella, a Bruxelles la petizione delle associazioni Spazi Popolari e Peacelink
giovedì 19 ottobre 2017
Le associazioni pugliesi chiedono un celere intervento alle Istituzioni europee.  

Una petizione per chiedere alle Istituzioni Europee di estendere in modo massiccio e celere la ricerca sulla sindrome del disseccamento rapido degli ulivi e di far luce sull’efficacia delle azioni intraprese finora per arginare la malattia. Antonia Battaglia, Nicola Grasso e Ivano Gioffreda, a nome delle associazioni pugliesi Spazi Popolari e Peacelink, hanno depositato a Bruxelles un  documento formale con le richieste di intervento presso il Parlamento Europeo. Oggetto, la tanto discussa questione Xylella fastidiosa in Puglia.

"I dati ufficiali sulla Xyella fastidiosa e, quanto emerge dal monitoraggio" spiega Alessandro Marescotti di Peacelink, "non forniscono ancora certezze inopinabili sulle cause del disseccamento né sembrano poter fornire risposte esaustive e rassicuranti. Si chiede pertanto alle Istituzioni Europee di intraprendere una poderosa azione finalizzata a sostenere le sperimentazioni per pervenire ad una chiara ed incontrovertibile certezza scientifica sulle cause e concause del disseccamento degli ulivi, al fine di risolvere la questione prima che il patrimonio paesaggistico ed identitario della Regione Puglia venga stravolto con le eradicazioni ed i reimpianti".