Blitz in un esercizio cinese: sequestrati 26mila articoli privi di tracciabilità
mercoledì 19 luglio 2017

L’intervento a Taranto da parte dei militari del nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza.

I militari del nucleo di polizia tributaria di Taranto, hanno individuato un’attività commerciale, con sede a Taranto, gestita da due cittadini cinesi, presso la quale sono stati rinvenuti 26mila pezzi fra giocattoli, articoli casalinghi ed elettrici privi della tracciabilità di fabbricazione, dispositivi medici e prodotti a contenuto insetticida privi del numero di registrazione presso il Ministero della Salute, puntatori laser di classe vietata, e materiali ed oggetti che vengono a contatto con gli alimenti senza le attestazioni obbligatorie a tutela della salute pubblica.

I titolari dell’attività commerciale sono stati denunciati all’autorità giudiziaria per i reati di commercio di prodotti con marchi mendaci e confezionati con preparati chimici pericolosi, e segnalati ai fini amministrativi per violazioni al codice del consumo in quanto i prodotti non riportavano le indicazioni in lingua italiana ed erano mancanti delle indicazioni relative alla ragione sociale, al marchio e alla sede legale del produttore.