Aggiudicata l’Ilva: vince la cordata ArcelorMittal, Marcegaglia e Intesa Sanpaolo
venerdì 26 maggio 2017
Gli elementi valutati sono quelli del prezzo, che dovrebbe essere di poco inferiore ai 2 miliardi, l'impatto ambientale ed il piano industriale.

La cordata formata da ArcelorMittal, Marcegaglia e Intesa Sanpaolo si è aggiudicata l’Ilva. La decisione è stata presa dai commissari straordinari Corrado Carrubba, Piero Gnudi e Enrico Laghi adesso la proporranno al Ministro del Mise Carlo Calenda. Sconfitta la cordata AcciaItalia, guidata dagli indiani di Jindal e di cui fanno parte Cdp, Arvedi e Del Vecchio.

Una decisione arrivata nonostante il monito pervenuto dalla Ue sui rischi Antitrust europeo in caso di vittoria della cordata guidata da ArcelorMittal, che è un colosso industriale mondiale basato in Lussemburgo, operante nel settore dell'acciaio, nato dalla fusione di due tra le più grandi aziende del settore, la Arcelor e la Mittal Steel Company, avvenuta nel 2006.

Un avviso che rivolto proprio ad ArcelorMittal che detiene già quote che sfiorerebbero il 30% della produzione nel nostro continente.

L'offerta della cordata che vede insieme ArcelorMittal e Marcegaglia, con il supporto di Intesa San Paolo, prevede investimenti per oltre 2,3 miliardi di euro, oltre al prezzo d'acquisto (circa 1,8 miliardi, a quanto si è appreso), con l'obiettivo di produrre 9,5 milioni di tonnellate di prodotti finiti.