Con "Ipogei sotto le stelle" la mostra fotografica di Rosa Colacoci: "Al Muro". Domani in piazzetta S. Francesco
martedì 9 agosto 2016
La fotografa artista Rosa Colacoci presenta la sua mostra "Al Muro", nell'ipogeo di Piazzetta San Francesco. Domani, mercoledì 10 agosto alle 19.

Nell’ambito della rassegna “Ipogei sotto le stelle”, che prevede ogni mercoledì la visita degli ipogei del centro storico di Taranto fino al 14 settembre prossimo, a cura di Nobilissima Taranto, associazione culturale Filonide Museo Spartano ipogeo Bellacicco e Pro Loco Taranto, l’ipogeo di Piazzetta San Francesco ospiterà da mercoledì 10 a mercoledì 17 agosto 2016 la mostra fotografica “Al Muro” della fotografa Rosa Colacoci.

L’inaugurazione della mostra, a cura di Roberta Passantino, si terrà mercoledì 10 agosto alle 19 presso l’ipogeo di Piazzetta San Francesco, in Piazzetta San Francesco, nel centro storico di Taranto. La mostra sarà visitabile nei giorni 10-12-13 e 17 agosto 2016 a partire dalle 19. 

La mostra, composta da pannelli tutti in bianco e nero, permetterà a tutti i visitatori di immergersi nella bellezza straordinaria dell’ipogeo (ambiente sotterraneo della città) e di rimanere completamente affascinati dai pannelli della Colacoci, capace di inquadrare la realtà da un’angolatura particolare, che mette a nudo l’anima di chi viene ritratto, colpendo emotivamente anche quella di chi guarda.  Momenti di vita fermati in uno scatto, racconti di emozioni, sofferenze, solitudini umane, ma anche  forza interiore e  amore per la vita. Tutto questo è Rosa Colacoci, che in questa sua personale continua ad incontrare uomini e donne che hanno voglia di andare oltre, di superare barriere, di incontrare nuove empatie da condividere e, perché no, da raccontare. Nel corso della serata in Pizzetta San Francesco ci saranno momenti musicali ed artistici.

Al Muro

La vita “Al Muro”  è il progetto fotografico che Rosa Colacoci  racconta attraverso le sue opere, con un bianco e nero minimalista e di grande impatto emotivo, incasellando su coordinate cartesiane sempre differenti la ricerca della vera essenza del verbo vivere.
Tante le mostre personali e collettive di rosa su tutto il territorio nazionale, tanti i premi vinti e tante le collaborazioni con altri artisti, la partecipazione a scritti editoriali e a blog di spessore come quello della filosofa Maria Giovanna Farina, incollaborazione con il Sociologo e scrittore Francesco Alberoni.
 La punta d’orgoglio dell’artista è sicuramente  la raccolta fotografica dei riti della settimana santa tarantina del 2014, donata in udienza pubblica in piazza San Pietro a Papa Francesco, raccolta che vede la collaborazione della poetessa Silvia Calzolari (Bergamo) con poesie inserite nell’antologia e con una citazione dedicata al santo padre da Roberta Fiordiponti regista e attrice (Taranto).

L’ipogeo è situato in uno dei luoghi a più alta concentrazione di ipogei nella parte alta del cosiddetto pittaggio Baglio. Non è facile stabilire l’epoca a cui risale l’originaria formazione dell’ambiente, che presenta un arco di fattura tipicamente medievale. Non è certo se si trattava di un ambiente di servizio a se stante o di un camminamento di collegamento con altri ambienti. La presenza però di fori di alloggiamento per assi testimonia dell’impiego dell’ipogeo per attività produttive o artigianali. Probabilmente all’inizio del novecento una parte della superficie dell’ipogeo venne sopraelevata forse per la realizzazione di un forno (lo indica il tipo di ceramica sul pavimento).