La musica pugliese nel mondo: finanziati altri 122 concerti in 33 Paesi dal Brasile al Giappone
mercoledì 27 luglio 2016
L‘avviso pubblico Puglia Sounds Export, finalizzato a favorire la circuitazione all’estero di progetti che diffondono la cultura musicale pugliese, a oggi ha finanziato 972 concerti in 94 Paesi in 5 continenti.

Proseguiranno nei prossimi mesi i tour in tutto il mondo di artisti e gruppi musicali che diffondono la cultura musicale pugliese. “La Puglia ha scelto la cultura e la creatività come elementi centrali su cui costruire il proprio futuro e uno sviluppo sostenibile moderno. La creatività non stimola soltanto la crescita culturale ma è anche leva di sviluppo economico e industriale per diversi settori produttivi. L'industria creativa pugliese, quella musicale in particolare, in questi anni ha saputo specializzarsi e creare realtà di eccellenza nel panorama nazionale. Questa eccellenza, che è anche unicità se pensiamo ai tanti gruppi di musica tradizionale, popolare, noi vogliamo esportarla'nel mercato mondo, all'interno delle migliori vetrine internazionali attuali, perché possa prendere il volo e perché diventi vero e proprio prodotto capace di attrarre nuovo turismo. È questa la pancia del bando Puglia Sounds Export, una buona prassi cui non avremmo mai potuto rinunciare, che dal 1 agosto al 30 novembre 2016 porterà 29 gruppi pugliesi a esibirsi in 33 Paesi per oltre 122 concerti interamente finanziati dalla Regione. Un'opportunità che i nostri artisti meritano e che noi vogliamo indagare ancora di più convinti che la musica sia tra i migliori biglietti da visita per una Puglia che vuole raggiungere ogni angolo del mondo”, dichiara in una nota Loredana Capone, assessore all'Industria Turistiche della Regione Puglia.

Sono stato ammessi a finanziamento i tour di Baroque Ensemble in USA per 3 concerti, Canzoniere Grecanico Salentino in USA per 4 concerti, Almoraima in Marocco per 3 concerti, Officina Zoè  in Svizzera, Belgio, Inghilterra e Polonia per 4 concerti, Hator Plectrum Quartet in Brasile per 6 concerti, Kore Ensemble in Francia e Polonia per 3 concerti, Gianni Iorio e Pasquale Stafano in Corea del Sud e Taiwan per 3 concerti, Inude in Slovacchia, Germania e Repubblica Ceca per 4 concerti, Musical Paths of Puglia  in Irlanda per 3 concerti, La Villa Barocca in Ungheria e Russia per 5 concerti, Fabrizio Savino in Germania e Belgio per 3 concerti, Giuseppe Bassi in Taiwan per 4 concerti, Ensemble Ellipsis in Ungheria e Slovacchia per 3 concerti, Nidi D’Arac in Francia e Belgio per 3 concerti, Après la Classe in Inghilterra, Germania e Olanda per 3 concerti, I Misteri del Sonno in Argentina per 6 concerti, Elena Paparusso Quintet in Spagna, Germania e Francia per 3 concerti, Khaossia in Francia, Inghilterra, Grecia e Spagna per 4 concerti, Mezzotono in Cina per 3 concerti, Adria in Germania per 8 concerti, Kekko Fornarelli Trio in Giappone, Nuova Zelanda e Australia per 4 concerti, Istituto Concertistico Orchestrale Magna Grecia in Albania per 3 concerti, Vincenzo Cipriani in Egitto, El Salvador e Lituania per 6 concerti, Kalàscima in  Svizzera, Belgio e Cina per 5 concerti, Giaggio in USA e Canada per 5 concerti, Tobia Lamare in Irlanda per 5 concerti, Francesco D’Orazio e Filippo Lattanzi in USA per 6 concerti, Gaetano Partipilo and The Contemporary Five in USA per 3 concerti e infine Fabio Accardi e Convivas ad Hong Kong e Cina per 4 concerti.
L‘avviso pubblico Puglia Sounds Export, finalizzato a favorire la circuitazione all’estero di progetti che diffondono la cultura musicale pugliese, ad oggi ha finanziato 972 concerti in 94 Paesi in 5 continenti.