La tarantina Roberta Di Laura rappresenterà l'Italia al 44° Congresso Mondiale di Ricerca sulla Danza
martedì 28 giugno 2016
Sarà presentato nel corso del 44° Congresso Mondiale di Ricerca sulla Danza, che si svolgerà ad Atene dal 29 Giugno al 3 Luglio, “The Poetry of Dance”, nuovo lavoro di ricerca sull'arte del movimento, della danzatrice classica tarantina Roberta Di Laura in qualità di rappresentante dell’Italia all’estero. 

La presentazione del progetto avverrà attraverso una video proiezione di fronte a centinaia di esperti del settore che come da consuetudine prendono parte all’evento organizzato dalla Sezione CID di Atene e del Pireo, dal Dora Stratou Dance Theatre con il patrocinio del Ministero della Cultura e della Commissione Nazionale UNESCO. Il progetto della giovane tratta dei legami tra danza e poesia e contiene numerose riflessioni sulla sua partecipazione in qualità di danzatrice al Kibatek 39 Festival Mondiale di Poesia svoltosi lo scorso Febbraio a Taranto.

Ancora una grande possibilità di portare in alto il nome di Taranto per la giovane tarantina, una personalità di spicco dell’intero panorama pugliese della danza, che più volte, grazie ai suoi successi, si è imposta come degna rappresentante della città nel mondo facendo parlare di Taranto in maniera positiva e costruttiva. La giovane inoltre ha sempre sottolineato un legame particolare con la sua Città come più volte dimostrato coinvolgendo Taranto nei lavori suoi lavori di ricerca sulla danza, collaborando con diverse associazioni del territorio e danzando in numerosi eventi locali.

Roberta, dopo i primi studi a Taranto, si è perfezionata studiando con i migliori docenti provenienti dalle maggiori accademie di danza quali Conservatorio Superiore Nazionale di Danza e Musica di Parigi, Accademia Vaganova di San Pietroburgo, Balletto di Cuba, Opera di Vienna, Bolshoi Ballet di Mosca. Diplomatasi in danza classica, moderna e contemporanea con riconoscimento da parte dell’Ajkun Ballet Theatre di New York, ha presentato lavori di ricerca sulla danza per i congressi svoltisi in Canada, in Florida, ad Atene,  a San Pietroburgo e a Tokyo dove è stata l’unica danzatrice italiana ad aver presentato un contributo per la manifestazione. Ha seguito inoltre diversi stages e corsi di perfezionamento presso accademie quali l’Accademia del Teatro alla Scala di Milano, la Scuola di Danza del Teatro dell’Opera di Roma e la Scuola del Balletto di Roma. Ha vinto inoltre diversi concorsi e borse di studio. 
Il riconoscimento più importante è arrivato per Roberta a soli 20 anni quando, dopo selezione tramite curriculum, è diventata membro del prestigioso “Consiglio Internazionale della Danza” di Parigi riconosciuto dall’Unesco, la più importante organizzazione per tutte le forme di danza a livello fondato nel 1973. Anche per l’anno 2016, Roberta si è riconfermata Membro del direttivo e si appresta a partecipare a numerosi eventi prestigiosi come rappresentate dell’Italia all’estero.

Ha ricevuto inoltre numerosi riconoscimenti per i traguardi raggiunti nella danza tra cui una targa dall’Associazione “Love Statte” durante l’evento “La Notte degli Oscar 2014 - Statte” per aver reso onore alla sua cittadina di residenza”, nel 2015 ha ricevuto il prestigioso “Premio Internazionale Crisalide Città di Valentino” per l’arte della danza e nel 2016 invece le è stato conferito il Premio “Nilde Iotti” “per aver reso lustro alla Città di Taranto con la sua opera meritoria nel mondo della danza”.

Laureanda in Arti e Scienze dello Spettacolo presso l’Università La Sapienza di Roma, Roberta è anche modella del celebre marchio di abbigliamento danza “Ballet Papier” di Barcellona e vanta numerose collaborazioni con associazioni ed enti in qualità di ballerina e coreografa. Ha danzato in numerosi eventi prestigiosi e nell’ottobre scorso debuttato tra gli interpreti principali e in qualità di prima ballerina nella prestigiosa produzione internazionale “Titanic Live Concert” con musiche di Robin Gibb  (Bee Gees) e R. J. Gibb presso il Palamazzola di Taranto. Nei giorni scorsi è tornata a danzare in Puglia in occasione del “Neruda Award” del quale è stata anche Testimonial dell’evento.